Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 10 de April2015 Revive Israel Ministries

Preghiera e Benedizione di Giobbe

Di Asher Intrater

Parte della logica di Dio è che Egli ci benedirà quando preghiamo per gli altri affinchè siano benedetti. Giobbe sopportò grandi sofferenze. Parte di quella sofferenza era che i suoi "amici" lo avevano accusato di agire  male. La loro accusa sembrava molto giusta, ma in realtà era solo ipocrisia. Dio disse loro che se non avessero chiesto a Giobbe di pregare per loro, li avrebbe puniti.

Giobbe 42:8 - Ora andrete a trovare Giobbe …. Il mio servo Giobbe pregherà per voi; per riguardo a lui, non punirò la vostra malvagita.

Allo stesso modo, Dio ha benedetto Giobbe solo dopo aver pregato per i suoi amici. Doveva perdonare coloro che lo avevano accusato. Doveva dare loro la grazia che non gli avevano dato. La preghiera di Giobbe per benedire i suoi amici è stata la chiave della sua restaurazione.

Giobbe 42:10 - Dopo questa preghiera di Giobbe per i suoi amici, YHVH lo liberò della sua sofferenza e gli diede il doppio di quel che aveva avuto.

Quando Giobbe pregò per i suoi amici, la loro punizione fu rimossa. E, quando ebbe pregato per loro, anche i suoi benefici furono restaurati. In realtà egli è stato benedetto anche il doppio di quanto lo fosse prima. La sua benedizione e restaurazione dipendeva dal suo perdono e benedizione per loro.

In una situazione simile, Dio disse ad Abimelech che Abramo doveva pregare per lui per essere guarito, anche se Abimelech era innocente (Genesi 20: 7-17). Dobbiamo pregare l'un l'altro per essere perdonati e guariti (Giacomo 5: 14-16). Yeshua ci ha insegnato anche a benedire coloro che ci perseguitano (Matteo 5:44). Date e vi sarà dato (Luca 6:38).

Forse sei in una situazione adesso in cui la chiave della tua benedizione è quella di chiedere perdono a qualcun’ altro o di pregare per qualcun’ altro per essere perdonato e benedetto.


Reagire al Re degli Ebrei

In questo messaggio, Asher si concentra su cinque gruppi di persone e le loro diverse reazioni alle proclamazioni di Yeshua come Re dei Giudei, e come stiamo vedendo reazioni simili anche oggi in Israele e in tutto il mondo. Per guardare in inglese, clicca QUI!


Urgente preghiera per la coalizione

La formazione del governo Israeliano avviene in due fasi: in primo luogo le elezioni, in secondo la coalizione. Mentre potremmo aver avuto sufficiente supporto in preghiera sulla prima parte, questa seconda fase è tristemente carente. Il governo dovrebbe essere ampliato? Quanto controllo dovrebbero avere gli ultra-ortodossi sui comitati di finanziamento e sul ministero degli interni? Chi dovrebbe essere assegnato a importanti posizioni nel gabinetto?

Questi problemi sono importanti e la necessità di più preghiera è urgente.


L’A.S.I.M. di Dio

Di David Rudolph

In Isaia 6: 1-8 il profeta Isaia incontra il regno celeste della gloria di Dio e per questo scopriamo una progressione di rivelazione e di risposte alle quali siamo invitati oggi.

Adorazione - Santità - Intercessione – Missioni

L’ adorazione ci solleva per incontrare la santità di Dio - che a sua volta cambia la nostra prospettiva, permettendoci di vedere dal vantaggioso punto di vista celeste ed entrare in intercessione con Yeshua. Condividere la prospettiva celeste e sentire il compito del Signore in intercessione apre le nostre orecchie per ascoltare il grido dello Spirito, "Chi manderò e chi andrà per noi?" La combinazione di adorazione, santità e intercessione ci deve portare alla risposta delle missioni!

Adorazione:
1 Nell'anno della morte del re Uzzia, io vidi il Signore seduto su un trono alto ed elevato, e lo strascico della Sua veste riempivano il tempio. 2 Sopra di lui stavano dei serafini; ognuno aveva sei ali: con due si copriva la faccia, con due si copriva i piedi, e con due volava.

Nel bel mezzo del suo dolore e di crisi che circonda la morte del re Uzzia (il vecchio), Isaia alza lo sguardo per vedere il Signore, il Re del cielo e entra nella adorazione che circonda continuamente il trono di Dio.

Santità:
3 E l'uno gridava all'altro e diceva: "Santo, santo, santo è il Signore degli eserciti; Tutta la terra è piena della sua gloria! "4 E gli stipiti della porta furono scossi dalla voce di colui che gridava, e la casa era piena di fumo.

Dal luogo di adorazione, Isaia incontra la santità di Dio, e si rende conto che è impuro e ha bisogno del tocco purificatore del fuoco della presenza di Dio.

Intercessione:
5 Così ho detto: "Guai a me, ch'io son perduto! Perché io sono un uomo dalle labbra impure, e abito in mezzo a un popolo dalle labbra impure; Perchè i miei occhi hanno visto il Re, il Signore degli eserciti ". 6 Allora uno dei serafini volò verso di me, avendo in mano un carbone ardente che aveva preso con le molle dall'altare. 7 E lui mi toccò la bocca e disse: "Ecco, questo ha toccato le tue labbra; La tua iniquità è tolta, e il tuo peccato espiato. "

Essendo purificato col fuoco e con le labbra pure, il profeta entra in intercessione e nel compito del Signore.

Missioni:
8 Poi udii la voce del Signore che diceva: "Chi manderò, e chi andrà per noi"
Allora ho detto: "Eccomi! Manda me." 9 Ed Egli disse:" Va ', e di' a questo popolo ... "

Ricevere il compito del Signore in intercessione ci condurrà a sentire il grido del suo cuore per andare a rappresentarlo nelle nazioni e davanti ai popoli. Possiamo solo pregare prima di essere chiamati a far parte della risposta alle nostre stesse preghiere e mandati come messaggeri nel mondo.


Torna ad Articoli

Torna ad Articol