Torna ad Articoli

logo

Revive Israel Ministries

© 2 de Ottobre 2020 Revive Israel Ministrie

Aumentare la temperatura?

Di Eitan Shishkoff

fire

Fa caldo dove ti trovi? Qui in Israele, mentre scrivo, fa un caldo inusuale. È questo un messaggio meteorologico del Signore che sta "alzando la temperatura?”

Mi ritrovo a trarre questa conclusione. La pandemia di Coronavirus continua e, almeno qui in Israele, indossiamo le nostre mascherine per rispettare le precauzioni sanitarie. Una superficie enorme è stata devastata da terribili incendi nel mio ex stato natale della California. E le proteste contro la brutalità della polizia e il razzismo continuano a diventare violenti, lasciando più morti nelle strade delle città americane.

Niente di tutto ciò tocca le calde tensioni che continuano qui in Israele con palloni incendiari inviati da Hamas per incendiare i campi israeliani. C'è una comune frustrazione nei confronti del nostro "governo di coalizione" che mantiene il ciclo delle notizie in corso con crisi senza fine che minacciano lo dissoluzione del nostro parlamento (il Knesset) e quella che sarebbe una quarta elezione in soli 18 mesi.

Devo fermarmi o riempirò la pagina con noiosi riferimenti allo stato del mondo. Tutte queste realtà e altre ancora mi portano a chiedere "Signore, cosa stai facendo? Cosa dirai? Dove mi inserisco in tutto questo? "

Come Elia nella caverna (1 Re 19:9-18)

Credo che in mezzo a tutto questo, la voce di Dio stia chiamando ciascuno di noi. Siamo in grado di sentirla?

Elia si rifugiò in una caverna dalle cattive notizie del suo mondo. L'incredibile vittoria sul monte Carmel fu seguita da minacce contro la sua vita e la sua stanchezza, fisica, emotiva e spirituale. Posso facilmente confrontare la nostra situazione con la sua.

Quindi, Dio ha causato un vento violento, un terremoto e un incendio, ma non era "in loro". Erano un mezzo palese per catturare l'attenzione di Elia. Non è quello che ci sta succedendo adesso? Vi sono venti violenti che squarciano le fondamenta della società, terremoti che mettono in pericolo la salute di tutto il mondo e incendi che distruggono ciò che è stato protetto. Dio non è "in loro". Tuttavia, il suo scopo è, attraverso questi sconvolgimenti, quello di svegliarci in un mondo in rapido e radicale deterioramento. E anche per farci ascoltare la Sua voce - ognuno di noi, personalmente, intimamente.

Udire un sussurro

Una volta che ebbe l'attenzione del profeta, Dio gli sussurrò con una "voce calma e sommessa".

Qui sono costretto a fare irruzione con una confessione. Non di peccato, ma di infermità fisica. Il mio udito non è più quello di una volta. Ne parlo perché ora devo ascoltare più attentamente che mai quando le persone parlano. Voglio così tanto sentire ciò che dicono. Eppure a volte mi sfugge. Se sono così intento ad ascoltare i miei amici e la mia famiglia, quanto più dovrei voler sentire ciò che il Signore mi sta dicendo? DEVO ASCOLTARE con piena attenzione.

Ed ecco la nostra priorità - appoggiarci al Signore, proprio come fece Giovanni, con la testa sul petto di Yeshua (Giovanni 13:25). Tanto più che, in un momento di confusione e angoscia, ho bisogno di appoggiarmi al cuore del mio Pastore. "Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le guido ..." (Giovanni 10: 3). E non stiamo parlando solo di sopravvivenza. C'era altro da fare per Elia; e c'è molto altro da fare per noi!

Chiamata e autorità rinnovate

Una volta che l'Onnipotente ebbe l'attenzione di Elia, rinnovò la sua chiamata sulla vita del profeta e gli diede chiare indicazioni per la fase successiva dell'attività. Elia lasciò la caverna della depressione, dell'isolamento e dell’inattività. Dall'ascoltare la voce tranquilla del Signore, egli è uscito con nuova audacia e autorità. Ha avuto un impatto sui regni e ha messo in moto il potente ministero della prossima generazione (Eliseo).

L'unico modo per sapere "Dove mi trovo in tutto questo?" è ascoltare la Sua voce che parla in modo intimo e personale, per la tua vita. QUESTA è la nostra risposta al caos e agli eventi incontrollabili che ci circondano: ascoltare la Sua voce. Dio ha una chiamata, un ruolo, un incarico, un destino per ciascuno di noi. Per sapere di cosa si tratta, devo avvicinarmi molto a Lui e ascoltare con il cuore spalancato.


Preparare un luogo di abitazione

broadcast

“Il cielo è il mio trono e la terra è lo sgabello dei miei piedi. Che tipo di casa costruirai per me? dice il Signore. O dove sarà il mio luogo di riposo? " (Atti 7:49)

Guarda qui!


Torna ad Articol